Tu sei qui:

Smart Factory

Abbiamo lavorato per diverse tipologie di aziende – in particolare in ambito medicale – per progetti IoT che le hanno trasformate in smart factory. Recentemente, abbiamo lavorato per una società che produce imballaggi flessibili. Il processo produttivo è molto delicato e durante tutte le fasi produttive la temperatura ha un ruolo fondamentale, in quanto se troppo alta può influire sull’elasticità dei materiali. ma anche fortemente influenzare la delaminazione del prodotto finale.

Lo stabilimento produttivo diventa smart factory mediante i dispositivi IoT per il rilevamento di  temperatura, umidità, luce e composti organici volatili. Dei sensori raccolgono i dati e li inviano ad un gateway multiprotocollo, per poi essere archiviati su un database locale ed essere trasferiti ogni 60 secondi al cloud Azure di Microsoft.

Tecnologia:
• Sensoristica per la misurazione di temperatura, luce, umidità
• Gateway Wifi/Ethernet
• Cloud Microsoft Azure
Vantaggi:
• Riduzione dei costi di produzione
• Qualità del prodotto stabile
• Monitoraggio delle condizioni di lavoro

I dispositivi IoT utilizzati sono con tecnologia Sigfox, di lunga durata, particolarmente adatti per il monitoraggio della temperatura di progetti IoT. Queste le caratteristiche:

  • 100 000 messaggi Sigfox
  • 10 anni di durata della batteria
  • Incredibile rapporto prezzo/prestazioni
  • Custodia in policarbonato super resistente IP67
  • Firmware API6 altamente personalizzabile
  • Ampia copertura  (vedi mappa sotto)

Sigfix è una rete pubblica gestita da una azienda francese caratterizzata da:

  • Comunicazioni a bassa potenza
  • Comunicazioni a basso costo
  • Robustezza ai disturbi
  • Possibilità di utilizzo per applicazioni di sensing, monitoraggio e tracking
  • Piani tariffari in base alle esigenze

Il protocollo Sigfox è stato progettato per

  • massimizzare l’efficienza energetica
  • Basso consumo durante la trasmissione e tra le emissioni
  • Nessuna manutenzione

Nel caso migliore si può raggiungere oltre 100 km di distanza tra trasmettitore e ricevitore (stazione base) ma in scenari reali bastano pochi km (città) o decine di km (campagna) a seconda della topologia e dell’ambiente